9 Gen. ’22 La solitudine del pioniere.

9 Gen. ’22 La solitudine del pioniere.

Bollettino cosmico: sta accadendo e poi verrà il sereno

Viaggiatori di punta, pionieri, folli, visionari, rivoluzionari, tutto riporta alla forza interiore che crede ciecamente in qualcosa. Chi esplora per primo un territorio è solo, va in avanscoperta per tornare a raccontare agli altri ciò che ha visto. Questo accade dalle origini, dalla preistoria dell’umanità e il coraggio di pochi ha permesso conquiste per tutti. Ma il pioniere è solo …, ha solo una cosa che lo sostiene, la voglia di andare oltre i propri limiti.

Le persone stanno cambiando rapidamente, con il prossimo Mercurio retrogrado avremo altre occasioni per rincontrare un passato che torna trasformato. Se stai leggendo queste righe è perché stai ricordando che tu sei qualcos’altro, come stai cambiando tu, così accade a chi ti circonda. Da quando il Tempo è accelerato il Pianeta è entrato in un vortice che sta trasformando tutto, state osservando sempre di più come, il più volte citato cappio al collo, si stia stringendo intorno al collo di chiunque. Bene (si fa per dire), osservando le energie in campo vediamo che ancora è nel mirino il segno del Capricorno, questo vale per tutti, non solo per chi ha qualche pianeta nel Segno che comunque è in prima linea (fine seconda decade e terza).  Le forze che stanno lavorando nel segno stanno distruggendo una struttura, un sistema chiuso che impediva l’espansione, ovvero era un sistema chiuso costrittivo. Lo smantellamento (Plutone) sta lavorando con il Sole (il senso del Sé) e Venere, ovvero la modalità affettiva profonda, questa destrutturazione o dissolvenza serve a spazzare via tutto quello che non ci appartiene. Non ci appartiene più. Stiamo cambiando. Da sistema chiuso a sistema aperto complesso.

E’ difficile da digerire, ecco allora che torniamo alla metafora del Capitano, che nel cuore della tempesta dritto sul ponte, governa con forza il timone. Viaggiatori, ricordate che nel deserto, chi si abbandona muore? Non lasciatevi andare … Non vedete ancora ma intorno a voi c’è una folla, visibile ed invisibile, virtuale e reale, fisica e metafisica.

Non siete soli!

C’è un tempo per parlare ed un tempo per tacere, c’è un tempo per osservare ed un tempo per agire, la Maturità emotiva sa scegliere le sue battaglie se ciò che vuole l’Anima è chiaro.

La vostra Bussola interiore, il vostro ascolto interiore, la vostra verità.

Vi mando come agnelli tra i lupi, sarete perseguitati in Mio Nome; metafore?

16 Ecco, io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe. 17 Ma guardatevi dagli uomini, perché vi trascineranno davanti ai loro sinedri e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe. 18 E sarete condotti davanti ai governatori e davanti ai re, per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai gentili. 19 Quando essi vi metteranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come parlerete o di che cosa dovrete dire; perché in quella stessa ora vi sarà dato ciò che dovrete dire; 20 poiché non sarete voi a parlare, ma lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. 21 Ora il fratello consegnerà a morte il fratello e il padre il figlio; e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire. 22 E sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi avrà perseverato fino alla fine, sarà salvato. 23 Ora, quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra, perché in verità vi dico, che non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo. 24 Il discepolo non è da più del maestro, né il servo da più del suo signore. 25 Basta al discepolo di essere come il suo maestro e al servo come il suo padrone. Se hanno chiamato il padrone di casa Beelzebub, quanto più chiameranno così quelli di casa sua! 26 Non li temete dunque, poiché non c’è nulla di nascosto che non debba essere rivelato e nulla di segreto che non debba essere conosciuto. 27 Quello che io vi dico nelle tenebre, ditelo nella luce; e ciò che udite dettovi all’orecchio, predicatelo sui tetti. 28 E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l’anima; temete piuttosto colui che può far perire l’anima e il corpo nella Geenna. 29 Non si vendono forse due passeri per un soldo? Eppure neanche uno di loro cade a terra senza il volere del Padre vostro. 30 Ma quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. 31 Non temete dunque; voi siete da più di molti passeri. 32 Chiunque perciò mi riconoscerà davanti agli uomini, io pure lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli. 33 Ma chiunque mi rinnegherà davanti agli uomini, io pure lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». 34 «Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a mettervi la pace, ma la spada. 35 Perché io sono venuto a mettere disaccordo tra figlio e padre, tra figlia e madre, tra nuora e suocera, 36 e i nemici dell’uomo saranno quelli di casa sua. 37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. 38 E chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. 39 Chi avrà trovato la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la ritroverà.

Matteo 10:16-39 ed. Nuova Deodati.

Eh, cari, c’è poco da girarci intorno, o si sceglie il Cristo o no.

Lasciatevi alle spalle 2.000 anni di Grande Puttana e guardate col cuore, se stai leggendo fino a qui è perché tu sei il pioniere che sarà pietra di paragone. Scolpisciti dentro il cuore questo, Viaggiatore.

Fidati di te stesso, del tuo intuito, della forza della decisione che pulsa dal chakra del Plesso Solare, lasciati andare alla potenza che senti dentro di te.

Sei un Angelo che sta lentamente ricordando di esserlo.

Credi.

Lui è qui e vedremo.

WLY (accoratamente)

Loro (& Sulan)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: