30 Lug. ’21 Il buio e la Luce

Bollettino cosmico: stallo di vento prima della tempesta

Nel linguaggio comune spesso si suole dire “squarciare il buio” per definire qualcosa che irrompe e modifica uno stato. Nell’antico codice dei Tarocchi, la Torre restituisce l’immagine di un fulmine che distrugge un torrione facendo precipitare sia il re che l’uomo comune. Nessun Vivente può sottrarsi ai cambiamenti che il flusso della Vita impone ma la differenza risiede nel modo in cui ciascuno accoglie la trasformazione.

Squarciare il buio, immaginate la folgore e immaginate una spada che lacera un tessuto, cercate di ascoltare il suono che queste metafore suggeriscono, ascoltate il suono del vostro cuore mentre la Luce squarcia il buio.

Cade il re (orgoglio)  dalla torre e resterà a terra nudo perché la saetta lacera le vesti, cade a terra l’uomo comune perché una volta arrampicatosi sulla torre di Babele (presunzione che genera cecità) non è scappato in tempo dalla distruzione.

Simboli e metafore, affinché i significati si coagulino in una nuova sostanza; il crogiolo alchemico trasforma gli stati di coscienza.

Si squarcia il bozzolo per far nascere la farfalla, si squarcia la carne della madre per far nascere il figlio, si squarcia il buio per far avanzare la Luce.

Parto, travaglio, pena, dolore, doglie.  Le doglie del parto sono intervallate da pause, la natura si prende cura della madre e del figlio durante il parto ed ogni parto è unico, è unico e prezioso.

Abbiamo parlato di abito su misura per ciascuno, l’umanità intera è in sartoria a farsi prendere le misure (per far prendere forma al modello) ed il rapporto col sarto è intimo e discreto.

Voglia di dimenticare, voglia di cambiare, voglia di normalità, voglia di pace, ciascuno è dal sarto e sta cominciando a realizzare se vuole una pinces in più o un rinforzo qua e là. Certo, a patto di sapere però che si è dal sarto, perché entrare dal panettiere e chiedere di accorciare l’orlo ai pantaloni sarebbe fuori luogo. (immaginate la faccia del panettiere … hhah ahha a ha a)

Cercate di tenere a mente che ciò che è non sembra e ciò che sembra non è, oggi aggiungeremo un particolare, il buio e la Luce potrebbero essere estremi di cui non si è ancora vista l’imponente entità.

Il buio potrebbe essere per molti Viventi (quasi tutti) talmente tanto profondo da non essere colto in tutta la sua vastità, un pozzo nero talmente stretto e profondo che allontana ogni voglia di esplorazione ma che al contempo, risucchia contro ogni volontà di difesa. Per indossare un abito nuovo è necessario denudarsi dai panni vecchi. Il sarto imbastisce, fa fare le prove, rettifica e modifica prima di cucire il modello scelto dal consumatore, il sarto consiglia e cuce ma l’ultima parola sul modello scelto è del fruitore.

L’Umanità sta vivendo Tempi Straordinari e il modello a cui ciascun Vivente si affida è frutto del Libero Arbitrio. Ci sarà chi decide di non andare dal sarto, chi decide di odiare il sarto e tutti i suoi clienti, chi decide di ignorare il sarto deridendo la sua fatica, chi decide di passare dal sarto più in là nel tempo e chi andrà dal sarto con leggerezza modaiola. Libero arbitrio, nessun sarto rincorrerà i suoi clienti con le forbici in una mano e il gessetto nell’altra. No!  Ciascun Vivente varcherà la soglia del sarto perché decide di farsi fare un nuovo abito, magari non è consapevole della motivazione del profondo desiderio e va dal sarto semplicemente perché “sente” di volerlo fare.

La voglia di pace e leggerezza in questo momento sono forti e comuni ma è facile cadere nel tranello dell’illusione quando non si è radicati e non si è radicati fino a quando non si è consapevoli di esserlo.

L’esempio della carta della Torre è funzionale al pericolo di inconsistenza, la bocca può pronunciare verità che però non hanno fondamenta solide nella consapevolezza.

Facciamo un esempio; “dopo 20 anni si è accorta che il marito la tradiva”. Non è vero, lo ha sempre saputo ma ha rifiutato di saperlo fino a quando la verità è esplosa. Spesso un evento che irrompe improvviso scuote a tal punto da stravolgere la visione della vita e di conseguenza la vita stessa. Una visione miope, egoista, perfino superstiziosa induce molti a dichiararsi vittime del destino e il dito indice viene puntato sugli altri. La visione chiara del sé, prima di poter entrare in contatto con il Sé Superiore deve però prima passare attraverso una analisi obiettiva, sincera, vera, in leale allineamento con i desideri del cuore. Cosa ha trattenuto la cornuta per 20 anni? Lo status sociale, le comodità, le apparenze, gli interessi in comune, magari tutto impacchettato da “eh! L’ho fatto per i figli… mi sono sacrificata!”

Bubbole!

Era solo opportunismo che occultava la paura, la paura di non essere in grado di farcela da sola. Inferni in gabbie d’oro che svuotano dalla gioia di vivere, magari sopportando un marito anafettivo e disonesto che dimostra ogni giorno il suo egoismo.

E’ forse una vita felice quella?

Tutto per le apparenze.

Le apparenze sono come ologrammi, nessuna sostanza ma solo sembianza.

Perché accade tutto questo? Per paura. Guardare la verità interiore fa male ma è necessario, gli aspetti peggiori sono in superficie (la cacca galleggia) ma poi comincia ad apparire la chiara e fresca acqua dell’Anima ed è allora che inizia la sanazione. Il lato oscuro di ciascuno è lì apposta per essere illuminato, trasceso, guarito. Se non ci fosse il buio non si potrebbe riconoscere la Luce, il buio è al servizio della Luce. Il buio è un servo. Quindi, sgombriamo il campo dai gne gne infantili, colpa tua, sua, della società e bla bla blà e giù, con un tuffo carpiato nelle acque cristalline della Coscienza. Lì c’è verità e pace e non c’è spazio per la finzione, che notoriamente preferisce agire nel buio.

Chi inganna, tradisce, manipola, lo fa dal buio della propria coscienza che magari giustifica con la propria presunta superiorità. “Eh! Se è così cretino/a da farsi ingannare non è colpa mia. Ben gli sta’ e la prossima volta imparerà!” dice il nostro campione al negativo, ignorando che sta facendo più male a se stesso che a chiunque altro. Ego, orgoglio e presunzione sono barriere artificiali, condannate a cadere sotto i colpi del destino che con la sua falce taglia le teste degli prepotenti. Uuuuh, che mormorio… quando? Vi state chiedendo quando… beh, al momento giusto. Nelle dimensioni superiori il tempo non è lineare e lo scopo è sempre l’Amore, quello di imparare l’Amore anche se prima bisogna attraversare il dolore.

Ci sono missioni diverse in ciascuna Vita che ciascun Vivente vive, ricordate che anche chi ha scelto di interpretare il male assoluto lo sta facendo per Amore, anche se non se ne ricorda. Il salto evolutivo che il Pianeta sta attraversando passa attraverso la consapevolezza del Sé individuale, non tutti sono allo stesso livello di consapevolezza ma tutti hanno accesso alla possibilità di salire di livello. Chi decide di non farlo, non lo farà, le conseguenze che deriveranno dalla scelta offriranno altre opportunità di comprensione. Per qualcuno in questa vita, per altri nella prossima, per altri ancora nelle prossime vite.

Non esiste un tribunale qui che valuterà e sceglierà tempi e modi per ascendere ad un livello superiore di Coscienza, non esiste, quello è dentro ciascun Vivente e non c’è possibilità di fuga o di inganno. Ciascuno giudica se stesso a fine partita.

Ogni persona incontrata nella Vita risponde ad un accordo stretto tra le parti prima di scendere nella carne, dalla parte di là del velo tutto è chiaro e con Amore, le Anime concordano gli aiuti da scambiarsi. Magari attraverso il dolore, magari attraverso il tradimento, magari con estrema durezza ma sempre con lo scopo (invisibile quaggiù) di permettere uno scatto evolutivo. Specchi riflessi, nemici/amici, odio/amore (terreno), carnefice/vittima, narcisista-manipolatore/empatico. Buio per trattenere, Luce per avanzare.

Il narcisismo e la manipolazione avvengono anche nei cosiddetti ambiti “spirituali”, esistono Anime che imparano come pappagallini alcuni concetti e parole (magari di gran moda) che poi usano per sminuire gli altri. Una Coscienza involuta o malata crede di realizzarsi solo quando distrugge  gli altri, ponendosi magari al di sopra di tutti, umilia e sminuisce e dopo aver preso tutto il prendibile, disprezza.

Esistono narcisisti spirituali? Sì. Quando ne incontrate uno vi rendete conto che vi sottraggono energia, autostima, voglia di vivere, gioia, progettualità, pace, equilibrio etc. Sono vampiri energetici e non sanno di esserlo (rifiutano di riconoscere la spinta che li anima).

Magari si auto attribuiscono meriti per fatiche o idee altrui, magari si spacciano per maestri (di qualsiasi cosa, reiki, cucito, nuoto) ma il modello è sempre lo stesso, prendere e distruggere gli altri per innalzare se stessi. Certo, mica possono farlo sempre alla stessa persona, così dopo aver succhiato tutto passano ad altri, lasciando a terra il cadavere energetico della vittima di turno.

Che senso ha tutto questo vi state chiedendo? Il senso di un accordo, perché chi sopravvive (tutti) poi guarisce mentre chi vessa si carica di responsabilità da risolvere nelle prossime vite. Chi è chi? In questo gioco delle parti tutti si stanno dando delle possibilità, il Libero Arbitrio del narcisista manipolatore sceglie di non vedere (come la cornuta) e la vittima può scegliere di liberarsi in ogni istante. Quando l’Universo trattiene in una dinamica significa che la lezione non è ancora stata del tutto appresa, i Viventi applicano il Libero Arbitrio per raggiungere lo scopo (missione) concordato prima della nascita.

Luglio sta finendo e la nuova energia di Agosto è alle porte, la prima decade dei segni Mobili sta già ricevendo un assaggio, per tutti invece è il preludio alla prossima doglia. L’estate fin qui si è vestita di leggerezza ma presto tutta l’energia accumulata esploderà, fin da ora cominciate a ripetervi che siete Viaggiatori forti e potenti, cercate la vostra verità perché quando esploderà il caos sarà la vostra ancora di salvezza. La manipolazione serve a far capire la libertà, l’esposizione del male servirà a mostrare la Luce affinché ciascun Vivente riconosca la propria grandezza. La Grandezza non si esprime con la superbia ma con  Amore Incondizionato. Vedendo la grandezza nell’altro potrete specchiarvi nella vostra.

Siate liberi di essere grandi, di mostrare la versione migliore di voi stessi anche se intorno a voi le cicale friniscono, lasciatele cantare, l’estate passerà e vi troverete più consapevoli e determinati nella compassione e nell’Amore Incondizionato. Sarete esenti dal dolore? No. Farà male. Proprio perché farà male sarà bene prepararsi prima, il rimedio e la cura li avete dentro di voi e sarete chiamati ad applicarli.

Per chi avesse ancora un pochino di confusione (pochino è un eufemismo) ricordate che nessuno può salvare chi non vuole essere salvato, siamo sul Pianeta in cui le lezioni vengono apprese attraverso il Libero Arbitrio e poiché nemmeno l’Uno si intromette, non c’è motivo per cui lo facciate voi. Voi fate il vostro lavoro che l’Universo fa il suo. Non si gioca a fare Dio e presto lo vedrete.

Con Amore e per Amore

Loro

(& Sulan)

Pubblicato da Deve Su

Bollettino cosmico per viaggiatori interdimensionali. Avvisi ai naviganti, mappe cosmiche e tanta gioia. Io mi diverto e voi?

2 pensieri riguardo “30 Lug. ’21 Il buio e la Luce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: