1 Mag. ’21 Il Lavoro

Bollettino cosmico: calde correnti sottomarine

Quando serve, l’Universo rallenta alcune aree della Vita per permettere alle Anime di apprendere meglio da se stesse.  Il Grande Orologio, in questo primo trimestre del 2021 (anno iniziato il 21/3/2021) sta lavorando l’espressione dell’Io, l’ambiente in cui si manifesta ed i rapporti tra vicini di Anima mentre il “sopra” investe il settore dell’affermazione personale, gli amici e le difficoltà della Vita.

Le calde correnti sottomarine che si formano sono una ulteriore spinta che l’Universo sta soffiando sulla formazione della Consapevolezza.

E’ stato spesso ripetuto che ciascun vivente ha la sua strada, il suo personale viaggio da compiere ed una missione da portare a termine. Non ci sono due persone uguali  e non esistono due viaggi uguali ma esistono Anime in cammino, tutte insieme, ciascuna verso la propria meta.

Volenti o nolenti, tutti sono chiamati a trasformare se stessi , resistere provoca solo dolore, ansia, rabbia, frustrazione etc.  (basse vibrazioni)

Prima ancora che possiate pensare ad una parolaccia, fermatevi un attimo e pensate…

Tutto sta crollando, accadrà lentamente ed implacabilmente ma sta già accadendo e diventerà sempre più evidente. 

Dramma e tragedia? No, no, no! Opportunità!!! Abbiamo una incredibile, fantastica, unica opportunità di togliere tutta la merda .

Loro si tappano le orecchie ma il male è merda.

E’ una merda chi lucra e specula sulle sofferenze altrui, chi è corrotto e corrompe, chi umilia e svilisce il suo simile, chi manipola, chi opprime.  Merda è anche un sistema economico allo stadio terminale e merda è la politica fatta da uomini di merda.

Credo che il concetto sia stato chiarito quello che invece occorre sottolineare, almeno 38 volte, è il concetto di scelta: ciascun vivente in ogni istante della sua Vita è davanti alla scelta di essere la peggiore o la migliore versione di se stesso.

Badate, non ci sono giudici o consiglieri, nudi ed onesti davanti a noi stessi decidiamo. Dalla decisione presa scaturiranno le conseguenze.

E le conseguenze ci saranno, questa è certezza.

Goccia a goccia tutto il male verrà a galla, non per essere monotematici  ma è cosa a tutti nota che la merda galleggia e viene sempre in superficie, così come il diavolo fa le pentole ma non i coperchi anche la merda non si può nascondere perche perdi più, puzza.

Certi settori sono già in avanzato stato di decomposizione e solo l’ostinazione di chi resiste li tiene per il momento ancora in vita. Fatica sprecata. Quello che deve distruggersi verrà distrutto e poi ci sarà una rinascita.

Nulla può però nascere se manca l’atto creativo, ecco allora l’accento di oggi: la creatività.

Creare una nuova realtà non è competenza delegabile, se ciascun vivente vorrà rinascere dopo la distruzione dovrà immaginarsi prima il nuovo modo di essere, più sarà onesta la visione, migliore sarà la realtà.

Quello che sta crollando fuori sta crollando anche dentro, stiamo liberando spazio nell’hard disk, via i vecchi file obsoleti e dentro… cosa?

Promemoria: la versione migliore e vera di se stessi.

Gli scandali che si susseguono non sono altro che una proiezione del microcosmo nel quale le persone si riconoscono. Sono alla pari, schifosamente, i dirigenti che gioiscono per i terremoti che promettono affari d’oro e l’elettricista che gioisce dei guai causati da Mercurio retrogrado. Solo che l’elettricista giudica i dirigenti senza accorgersi di applicare la stessa logica.

Quella vita leggiadra che permetteva di non pensare ora è finita, ora ciascun vivente si sta costruendo una coscienza e questo processo è doloroso.

Il titolo di oggi è “Lavoro”, non è però quello che pensate, si tratta di qualcosa di davvero divino che ciascuna Anima è chiamata a fare, quello su se stessa. Lavorare su se stessi significa non aver paura di indossare lo scafandro ed inabissarsi nelle profondità di noi stessi, credete, se inizierete scoprirete di essere infiniti.

Non importa quello che siete stati, conta quello che decidete di essere. Quando? ORA!!!!

Sì, sì, sì, non c’è un tempo in cui qualcosa scatterà, quel momento è ORA. Se decidete potete cambiare ora!

State soffrendo al punto in cui il cuore sembra spezzarsi? Dite basta, ORA!

Avete ansia e paura? Dite basta, ORA!

Ordinate a voi stessi, con tono duro e cazzuto, ORA BASTA! Impostare la versione migliore di voi stessi è possibile, ORA!

Quando avviene l’illuminazione? ORA! Perché tu Essere divino lo hai deciso!!!

Ora, pensate anche che, su tutte le forme di vita del Pianeta, l’uomo è l’unico a poter parlare per poter esprimere il suo mondo interiore.

Dite la vostra verità!

Nessun uomo è un’isola, tutti hanno bisogno delle stesse cose per vivere, tutti sanno come si fa a fare “i bravi”, tutti soffrono e amano, siamo tutti meravigliosamente diversamente uguali. Perché tacere? Parlate…

Parlate con gentilezza, con rispetto, con passione, con amore, prima a voi stessi e poi a tutto il resto del mondo.

Difficilmente avrete una bella giornata se già radendovi davanti allo specchio grugnite contro voi stessi, datevi una strizzatina d’occhio… c’è sempre una soluzione. Pensate creativo!

Lasciarsi andare allo sconforto e alla trasandatezza vi rosola come un fuoco su tutti i lati, siate creative! E darete scacco matto ai cattivi pensieri. Siete farfalle che stanno aprendo le ali e non vittime della Vita.

Ciascuno è il carnefice di se stesso, sono scelte, lo capite? Scegliete INVECE di essere i guaritori di voi stessi!!!!!

Non esiste “il” lavoro ma “un” lavoro e non vi siete incarnati per lavorare, siete qui per fare un’esperienza terrena che lavora l’Anima.

Loro hanno molto insistito, fin dall’inizio, sul fatto che in un prossimo futuro saranno l’Onore ed i Talenti a determinare il valore degli Esseri umani… cominciate a pensare in maniera solida.

Medaglie d’Onore e Talenti da spendere, in tasca.

Talenti in tasca, da scambiare gli uni con gli altri.

Pensate creativo, (ci sono grandi strizzate d’occhio da Lassù), pensate creativo, scatenate la vostra parte gioiosa e fantasiosa e guardate davvero in faccia i vostri bisogni… guardate l’essenza!!!!!!!!!!

Poiché molti sono anche pigri, (ridacchiano), salutiamo e ci congediamo con il testo di Gibran, a voi la scelta di proseguire la lettura…

Nel frattempo, mentre decidete, con amore, sempre più immenso amore,

WLY (Loro & Sulan)

***

Il lavoro

Tratto da

Il profeta, di Kahlil Gibran,

Allora un contadino disse: Parlaci del Lavoro.
E lui rispose dicendo:
Voi lavorate per assecondare il ritmo della terra e l’anima della terra.
Poiché oziare è estraniarsi dalle stagioni e uscire dal corso della vita, che avanza in solenne e fiera sottomissione verso l’infinito.

Quando lavorate siete un flauto attraverso il quale il sussurro del tempo si trasforma in musica.
Chi di voi vorrebbe essere una canna silenziosa e muta quando tutte le altre cantano all’unisono?

Sempre vi è stato detto che il lavoro è una maledizione e la fatica una sventura.
Ma io vi dico che quando lavorate esaudite una parte del sogno più remoto della terra, che vi fu dato in sorte quando il sogno stesso ebbe origine.
Vivendo delle vostre fatiche, voi amate in verità la vita.
E amare la vita attraverso la fatica è comprenderne il segreto più profondo.

Ma se nella vostra pena voi dite che nascere è dolore e il peso della carne una maledizione scritta sulla fronte, allora vi rispondo: tranne il sudore della fronte niente laverà ciò che vi è stato scritto.

Vi è stato detto che la vita è tenebre e nella vostra stanchezza voi fate eco a ciò che è stato detto dagli esausti.
E io vi dico che in verità la vita è tenebre fuorché quando è slancio,
E ogni slancio è cieco fuorché quando è sapere,
E ogni sapere è vano fuorché quando è lavoro,
E ogni lavoro è vuoto fuorché quando è amore;
E quando lavorate con amore voi stabilite un vincolo con voi stessi, con gli altri e con Dio.

E cos’è lavorare con amore?
E’ tessere un abito con i fili del cuore, come se dovesse indossarlo il vostro amato.
E’ costruire una casa con dedizione come se dovesse abitarla il vostro amato.
E’ spargere teneramente i semi e mietere il raccolto con gioia, come se dovesse goderne il frutto il vostro amato.
E’ diffondere in tutto ciò che fate il soffio del vostro spirito,
E sapere che tutti i venerati morti stanno vigili intorno a voi.

Spesso vi ho udito dire, come se parlaste nel sonno:
“Chi lavora il marmo e scopre la propria anima configurata nella pietra, è più nobile di chi ara la terra.
E chi afferra l’arcobaleno e lo stende sulla tela in immagine umana, è più di chi fabbrica sandali per i nostri piedi”.
Ma io vi dico, non nel sonno ma nel vigile e pieno mezzogiorno, il vento parla dolcemente alla quercia gigante come al più piccolo filo d’erba;
E che è grande soltanto chi trasforma la voce del vento in un canto reso più dolce dal proprio amore.

Il lavoro è amore rivelato.
E se non riuscite a lavorare con amore, ma solo con disgusto, è meglio per voi lasciarlo e, seduti alla porta del tempio, accettare l’elemosina di chi lavora con gioia.
Poiché se cuocete il pane con indifferenza, voi cuocete un pane amaro, che non potrà sfamare l’uomo del tutto.
E se spremete l’uva controvoglia, la vostra riluttanza distillerà veleno nel vino.
E anche se cantate come angeli, ma non amate il canto, renderete l’uomo sordo alle voci del giorno e della notte.

Pubblicato da Deve Su

Bollettino cosmico per viaggiatori interdimensionali. Avvisi ai naviganti, mappe cosmiche e tanta gioia. Io mi diverto e voi?

Una opinione su "1 Mag. ’21 Il Lavoro"

Rispondi a Rossella Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: