15 Mar. ’21 Quello che va, quello che torna

Bollettino cosmico: venti tesi, mari guizzanti

Durante il giorno formuliamo pensieri ma riusciamo ad esser consapevoli solo di una di parte di essi, in più la maggior parte è dedicata al passato e alla paura. In alcuni punti della giornata-pensiero però, riusciamo ad essere centrati perfettamente sul qui ed ora e la creatività.

In pratica la mente si libera simultaneamente delle gabbie del passato e della paura e si butta su un infinito mare di opportunità, in quel momento perfetto la sensazione è quella di slancio.

Questo preambolo serve ad introdurre il momento che stiamo attraversando, però serve anche come consiglio ai Viaggiatori che si stanno assestando nella transizione.

Il Grande Orologio ha mosso le lancette il 21 dicembre 2020 e l’energia si è spostata, con la Grande Congiunzione di Giove e Saturno in Acquario. Da quel punto in poi il campo di prova è diventato la collettività e ciascun vivente ha iniziato a vedere se stesso nella collettività. Per il singolo è diventata opportunità di vedere se stesso specchiato nelle amicizie, in famiglia, nelle relazioni in ampio senso.

Il 14 gennaio Marte si è congiunto a Urano nel segno del Toro e sono iniziate le spallate al settore del solido e placido ruminante (l’ambiente circostante), anche il settore economico ha preso scossoni e la Terra in generale ha risuonato.

Per i viventi è iniziata le revisione del senso di sicurezza riguardo alle finanze, i beni e i privilegi acquisiti, l’identificazione del Sé nei possessi materiali.

Se ricordate, Mercurio quando è diventato retrogrado ha dato filo da torcere ai pensieri e la revisione si è allargata sempre di più. Venivamo da lontano e ci siamo lasciati alle spalle la tripla Congiunzione (Saturno, Giove, Plutone) che ha dato inizio al passaggio tra un Era e l’altra, è stata una congiunzione micidiale che ha stravolto la vita di tutti gli uomini del mondo.

Solo a pensare che avete scelto di reincarnarvi in quest’epoca non vi fa venire voglia di ballare un mambo? 

Vi rendete conto di essere Eroi? per di più  con uno scopo… (Lassù fanno la òla)

Le energie in questi giorni stanno lavorando di cesello perché il transito in Pesci di Sole e Venere e del comodo Nettuno,  hanno innescato riflessioni su quello che si vuole e quello che non si vuole. Il pensiero si è orientato al passato, alle paure, alle prove, alle esperienze vissute  e molto è stato possibile rilasciare; ancora un volta Venere ha sintonizzato l’Anima sul sentire ed è iniziata la finestra temporale che permette di rilasciare karma.

Tranquilli che se resta qualche briciola, Mercurio sta arrivando e ci penserà lui a scovarla e metterla in mostra. Pulizie energetiche in corso e come il solito, si ricorda che Lassù vedono la sofferenza che questo processo sta comportando.

Queste finestre temporali offrono la possibilità di spiccare balzi in avanti, lasciare il passato e la vecchia forma pensiero per sostituire con qualcosa di nuovo. Così torniamo al preambolo e al consiglio ai Viaggiatori, molti confronti karmici stanno avvenendo, la separazione sta avvenendo intorno, nella collettività di ciascuno.

Il confronto tra la vecchia forma pensiero e quella del nuovo slancio in avanti verso una consapevolezza critica è oramai aspro. Per tutti quelli che si chiedono quanto durerà, la risposta è, dipende. Dipende infatti dallo spostamento di consapevolezza della massa critica. E’ ben noto e risaputo che il popolo viene spesso chiamato bue, a prima vista sembra un insulto ma se pensiamo al bue infuriato, beh, in quel caso scattano rispetto e fuga.

Il tempo è lento? No, no, no! Il Tempo è divino. Tutto al momento giusto.

La quadratura di Saturno dall’Acquario è determinata a tirare colpi al Toro. Il Toro è restio a lasciare i pascoli che conosce, con Saturno però non si scherza e si dovrà dare una mossa.

Stiamo per finire il 2020, iniziato per le stelle l’Equinozio di primavera del anno 2020 del calendario. Nel mondo delle stelle l’anno inizia con l’Equinozio di primavera, un nuovo ciclo sta per aprirsi e più zavorra avremo rilasciato più saremo a nostro agio nel 2021 delle stelle.

A tal proposito, per chiarezza… cioè uccidere le stelle, in latino si traduce in Astra ze neca.

Capite che è intollerabile… da prendere sul piano della provocazione profonda anche senza essere astrologi.

A suo tempo… nel giusto tempo i piatti della bilancia si appaieranno.

Lasciate andare tutta la zavorra tossica, ripulite casa e Anima da ciò che non serve e poi alzate il mento verso l’alba del nuovo anno.

Occorre fare spazio negli armadi perché l vecchio deve lasciare lo spazio al nuovo, ci saranno però confronti tra gli individui, qualcuno resterà aggrappato come un criceto alla ruota dei vecchi schemi mentre altri salutano e vanno avanti verso la realizzazione.

La primavera e il nuovo anno sono promesse di rinnovamento su livelli superiori e veicolare i pensieri con slancio e volontà è il primo passo verso la manifestazione. Si tratta di essere sinceri con se stessi, riconoscendo i propri meriti, le fatiche e gli ostacoli vinti, tenendo ben presente che la mente (l’Ego), è sempre orientata al passato e alle paure, traumi inclusi.

Nulla torna come prima e voi siete molto più forti di quanto possiate immaginare, siete Esseri Maestosi, pensate ed agite come tali.

Nei momenti di guida automatica della mente, sostituite i pensieri passivi con quelli attivi e ricordate che siete Esseri spirituali che stanno vivendo un’esperienza terrena.

Badate che qualche Anima proprio non riesce a vedere e concepire un pensiero che non sia passato e paura, sono condannati ad un fermo infernale che ricrea altro karma, almeno, fino a quando comprenderanno e lasceranno andare.

Ciascuno al suo tempo stabilito e giusto e nessuno può cambiare le decisioni del loro libero arbitrio.  

We love You & Sulan

Qui trovate altro: https://viaggiatorinterdimensionali.com/stazione/

Pubblicato da Deve Su

Bollettino cosmico per viaggiatori interdimensionali. Avvisi ai naviganti, mappe cosmiche e tanta gioia. Io mi diverto e voi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: