24 Dic. ’20 La separazione

24 Dic. ’20 La separazione

Bollettino cosmico: tempeste locali, ormeggiare al largo.

Chi segue il blog sa che abbiamo (io e Loro) molto parlato dell’eclissi, la cosa che non è stata detta è che gli effetti dell’eclissi si faranno sentire per 6-18 mesi e che il lavoro interiore è davvero un bisturi che sta incidendo le profondità dell’Anima.

Credo che i produttori di fazzolettini abbiano incrementato le vendite in questo periodo, personalmente sento ogni lacrima che rotola e vi assicuro che tutte insieme stanno producendo il fragore di una cascata. Non tutte sono di dolore ma se sono di gioia è perché sono state precedute dal dolore. Insomma lacrime, un pianto profondo, magari invisibile all’esterno ma profondo come un pozzo nero infinito.

e il naufragar m’è dolce in questo mare

https://luigilavorgna.wordpress.com/2018/12/05/naufragar-me-dolce-in-questo-mare/

La contemplazione dell’Infinito di Leopardi  si presta perfettamente come modello, lascio come nella fiaba di Pollicino un link “sassolino”, è un invito alla riflessione sul tempo passato, che non tornerà e la necessità di lasciar andare le catene e le paure.

Per chi segue è noto che da tempo si sta parlando del LASCIAR ANDARE, il concetto è semplice e di facile comprensione ma è l’applicazione che devasta.

Facciamo un piccolo riassunto: il 2020 ha lavorato la parte emotiva più profonda di ciascuno, gli affetti sono stati in primo piano  e ci siamo confrontati con il nucleo delle nostre Anime. E’ stata una grande occasione, chi ha deciso, scelto, ha potuto lasciarsi trasformare da questa propulsione cosmica e lavorando duramente ha potuto vedere molte verità che poi ha trasceso. Purificazione, azzeramento del karma e balzo in avanti. Chi ha fatto questo balzo in alto ha scelto di fluire perché si è affidato alla propria Coscienza attraverso l’Intuizione. In breve, si è affidato all’Universo Intelligente e ha creduto nel senso delle cose nascoste con il cuore puro. Più ci si affida, più ci si purifica e questo illumina chi sceglie questa via. Le vedete queste persone, sono intorno a voi oramai e sono sempre di più, li riconoscerete perché sembrano luminosi, sempre sorridenti e pacifici e vi sentirete bene in loro compagnia. Il sorriso, che sembra tanto facile su quei visi nasce tra rughe e abissi di dolore attraversato, ferite e cicatrici ma proprio perché è stato affermato nel dolore, quel sorriso è oramai indelebile. E’ inciso nell’Anima e risplende all’esterno, chi ha scelto di affidarsi non tornerà da quel luogo di pace, l’Anima ha scelto il suo sposo nell’unità con L’Uno.

Per tutti loro sono in arrivo ricchi premi e cotillon.

Poi ci sono gli smarriti, coloro cioè che pur avendo la visione non hanno il coraggio.

Miei piccoli tesori, proprio voi siete i più cari, proprio voi perché il vostro tormento è visto e non immaginate quanto dolore scaturisce dal vostro dolore. Vi ho detto che nulla è nascosto, nemmeno il minimo sospiro in una grotta profonda passa inosservato, tutto è registrato e ciascuno è amato.

Tanto.

Vedete, nessuno può fare niente per voi perché è solo il vostro libero arbitrio che conduce il gioco, nessuno può strapparvi dal dolore se non decidete di farlo, nemmeno se il dolore che portate vi sta uccidendo. Dovete decidere di liberarvi dal dolore.

Le eclissi estive hanno aperto l’esplorazione degli affetti radicali, quelli in cui veniamo formati ovvero, la famiglia. Fino al 2020 le famiglie avevano lo scopo di bilanciare il karma, le lezioni da apprendere venivano scambiate ma invece di risolvere e sollevare, il risultato è stato quello di creare altro karma.

Stiamo parlando di famiglie disfunzionali nelle quali molti Viaggiatori sono approdati. Possono essere stati luoghi (le famiglie) di violenza e abusi, di dipendenze e dolore. Il dolore può essere stato fisico o emotivo o entrambi, magari alternandosi in un continuo loop infinito di modelli che poi sono stati proiettati nella vita.

I condizionamenti sono stati trasferiti e la sofferenza ha sciabordato le relazioni, ricreando gli stessi modelli distruttivi.

Non è facile riconoscere di essere stati abusati o rifiutati dalla famiglia, il trauma si nasconde bene seppellendosi sotto le sabbie del fondo del pozzo nero e sebbene urli in modi agghiaccianti, per poter andare avanti il Viaggiatore si tiene le mani sulle orecchie per non sentire quelle urla.

Ogni relazione causa-effetto sono scelte, se il dolore non viene affrontato si abbatterà come un’ondata mostruosa che porta all’auto sabotaggio. Prima o poi, nel viaggio di ogni Viaggiatore, il dolore va affrontato.

Scoprire di essere vittime di dinamiche narcisistiche potrebbe essere devastante ma più si scoperchia la pentola più l’Anima si solleva leggera.

Scoprire di essere nati in una famiglia con manipolatori sarà altrettanto devastante ma sarà importante per osservare se abbiamo sposato quel modello o ce ne siamo liberati. Alcuni Viaggiatori sono nati in famiglie con dipendenze come cibo, alcol, droghe o psicologiche, riconoscere il quadro è indispensabile.

Solo pochi afferreranno quanto ora stiamo per dire ma se afferrate questa liana vi arrampicherete più in fretta.

Ogni Viaggiatore sceglie la propria famiglia, viene scelta e cucita addosso per uno scopo, la funzione è quella di rompere i modelli letali per sostituirli con modelli vitali.

Ora, è ben noto che in guerra come in amore tutto è lecito e quindi afferrate ogni occasione per riconoscere i modelli di confronto che avete scelto di risolvere in questa incarnazione. Un percorso di psicoterapia, ipnosi regressiva, reiki, meditazione, astrologia, qualsiasi cosa scegliate, cercate di osservare quei modelli tossici e poi liberatevene.

Guarigione, stiamo parlando di guarigione e solo voi potete decidere di scegliere di guarire.

Vi avviso che fa male, come tutti i riti di passaggio la trasformazione è dolorosa ma è liberatrice, definitiva. Solo dopo aver guarito e purificato voi stessi potrete alzare lo sguardo limpido verso l’orizzonte. Sarete come bambini che guardano con stupore e meraviglia l’alba di un giorno nuovo che illumina un giardino fiorito.

Poi ci sono gli altri, coloro dai quali ci stiamo separando.

Hanno scelto di restare lì, a subire un destino ritenuto beffardo e spaventoso a che non pensano a cambiare. Sono ancora aggrappati a quelle considerano rocce ma non si sono accorti che quelle pietre sono esplose e viaggiano verso direzioni ignote e volutamente ignorate.

Si ostinano così beffardamente presuntuosi o passivamente lagnosi ad affrontare la vita che comunque s’impenna in ondate di cui non vedono nemmeno la portata. Molti preferiranno affogare nelle dipendenze, sesso, alcool, droga, manipolazione, abuso di potere. Sceglieranno semplicemente di galoppare nella direzione inversa, affogando.

E’ il sonno dell’Anima che solo il LIBERO ARBITRIO di ciascuno potrà scegliere di risvegliare, toglietevi dalla testa di poter fare qualcosa per chi NON vuole. Lasciate andare, non salverete nessuno affondando con loro.

Separazione.

Ci stiamo separando.

Dovete accettarlo Anime Antiche, sapete che è a voi che vogliono che mi rivolga.

Sapete che non mi piace metterla sul biblico ma quando ci vuole, ci vuole.

“Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.” (Mt 10, 34-36)

Ma non solo:

«In verità vi dico che non vi è nessuno che abbia lasciato casa, o fratelli, o sorelle, o madre, o padre, o figli, o campi, per amor mio e per amor del vangelo, il quale ora, in questo tempo, non ne riceva cento volte tanto: case, fratelli, sorelle, madri, figli, campi, insieme a persecuzioni e, nel secolo a venire, la vita eterna. Ma molti primi saranno ultimi e molti ultimi primi». (Mc 10, 29-31)

Che significa tutto questo?

Che è venuta l’ora.

I primi saranno gli ultimi; ricchezza, potere, fama, al primo posto hanno creato una gerarchia malsana in cui il più spietato scalava il successo mentre disprezzava gli altri, ultimi.

Questo è finito e ora chi ha lavorato per liberarsi si troverà primo.

Che ci crediate o no è indifferente, lo vedrete con i vostri occhi ma se avrete fiducia nel processo di trasformazione sarà più semplice. Sempre questione di scelte.

Come ci confronteremo, le interrelazioni tra chi sceglie il Sì e chi il no, le vedremo via via.

Domani il Sole riprenderà il suo moto diretto verso la luce, è l’alba di un nuovo anno, festeggiato fin dalla preistoria.

Avevo promesso una sorpresa per Natale e domani arriverà.

Vi posso anticipare che si tratta di uno strumento, qualcosa che è stato dettato per il futuro e di cui sono stata onorata esser un canale.

La guida che accompagna lo strumento è già stata presenta, i tempi e i modi per poter accedere verranno chiariti più in là, ci sono tante sorprese in arrivo e ora tornate bambini, crogiolatevi nella dolce attesa delle sorprese.

https://viaggiatorinterdimensionali.com/guida-galattica-per-viaggiatori-interdimensionali-il-manuale-e/

Non a tutti piacerà, non a tutti interesserà ma per chi vorrà, ci saranno tanti sassolini che stanno indicando un sentiero in fondo al quale ci incontreremo.

Vi amiamo ancora più forte non potendo asciugare le lacrime, solo questo possiamo fare mentre aspettiamo che voi amiate voi stessi, riconoscendo la maestosità della vostra Anima.

Sulan

Pubblicato da Deve Su

Bollettino cosmico per viaggiatori interdimensionali. Avvisi ai naviganti, mappe cosmiche e tanta gioia. Io mi diverto e voi?

Una opinione su "24 Dic. ’20 La separazione"

Rispondi a Rossella Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: