4 Dic. ’20 Sulle ali del falco

E’ venuto il Gheppio e mi ha detto di portarvi sulle sue ali per vedere il piano dall’alto.

Non mi sottraggo, quando viene, si appollaia a un paio di metri e mi guarda intensamente: so che c’è un messaggio e i “ragazzi” dietro spingono fino a quando non lo tradurrò in parole.

Così, tutti a bordo, il Gheppio ci invita.

Il Topo mi aveva annunciato l’arrivo del Gheppio messaggero e come sempre sono commossa dal tempismo. Ma saliamo, vi racconterò tutto mentre voliamo.

Il calcio d’inizio è stato il 10 gennaio (eclissi di Luna), Urano (ottava superiore di Venere) appena entrato nel placido segno del Toro per cominciare a demolire uno dei pilastri, la resistenza, ricomincia il moto diretto dopo un eclissi… (il 12 abbiamo avuto la prima congiunzione Saturno-Plutone – vedi archivio).

La funzione di Urano in toro è quella della folgore divina che scuote le fondamenta.

Ora che siamo saliti sulle ali del Gheppio dobbiamo cominciare ad allontanarci e osservare il sistema solare dall’esterno.

I pianeti si sono collocati, attraverso moti eterni, in perfette combinazioni straordinarie.

A partire dal 2020 i pianeti si sono coordinati per chiudere cicli ed iniziarne altri.

Questa coordinazione tra pianeti è tale da comprendere ogni segno, triplicità, elemento.

Anche questa è straordinarietà, di solito, prima la razza umana passava per sezioni di apprendimento che poi si legavano. La sequenza era: caos, apprendimento, manifestazione (idea/azione).

Quest’anno la straordinarietà delle energie in cielo ci ha portato un enorme cambiamento, o meglio, ha iniziato a portarci la consapevolezza di un cambiamento in azione.

Non si tratta più di sezioni di apprendimento lineare ma verticale, come livelli sovrapposti e non conseguenti. Ditemi se è difficile questo passaggio perché nel caso ci tornerò sopra.

Durante questo anno, non ancora concluso, sono accadute cose che di solito accadono in un lasso di tempo lungo quanto una vita intera. Nessun essere umano sul pianeta è stato dimenticato e tutti hanno attraversato l’intensità, o forse dovrei cominciare a dire la densità.

Sì, comincio a parlarne invece, densità. L’umanità ha attraversato strati densi che sono penetrati fino al nucleo. Ciascuno è stato costretto a scendere fino al proprio nucleo e questo è il punto in cui siamo. Il focus posto sulla triplicità di terra (Capricorno in primis, Toro, Vergine) rappresenta il quadrato su posiamo la percezione della realtà. Chi consce la lingua arcana comincia a vedere la Torre, simbolo dell’intervento divino che scuote la base quadrata facendo cadere l’instabile cupola tonda. I Bizantini ci hanno lasciato luoghi in cui questo connubio è visibile, il quadrato è la percezione della materia su cui posa la cupola del cielo.

Così dall’alto possiamo cominciare a vedere la tavola apparecchiata: la densità della materia è scossa nella sua percezione.

Facciamo una picchiata.

L’eclisse del 5 giugno ha iniziato una parabola, simile al lancio di un bengala che ha illuminato la densità, che si è conclusa il 30 novembre. Ha aiutato a lavorare sul senso dell’amore in ambito familiare. Chi ha cavalcato l’onda ha fatto un buon bottino perché ha compreso cosa vuole davvero. Questo aspetto però è stato appunto un fascio di luce aggiuntivo perché il grosso del lavoro lo stanno ancora facendo il terzetto in Capricorno con Urano che spalleggia dal Toro.

Saliamo ancora.

Siamo a fine anno e si preparano i fuochi artificiali, il caos avanza e lo potete vedere da quassù, è come la nuvola del nulla che cresce della Storia infinita (film di Petersen, 1984).

La demolizione è inevitabile, la trasformazione sarà inevitabile. La morte non esiste e la vita avanza indifferente alle idee negative degli esseri umani. La Vita è legge eterna ma tra loro, gli uomini, si raccontano storie terribili come boy scout la sera intorno al fuoco.

Gli uomini amano le storie.

… però odiano viverle, perché hanno paura.

I racconti attorno al fuoco hanno fatto presa, gli incubi di notte li rendono veri perché scatenano emozioni e quelle sono reali! porca miseria, le emozioni sono reali!

La storia più atroce e spaventevole che si raccontano da soli, gli uomini, è quella dell’amore e ci infilano dentro ogni possibile spavento …

… ma siamo immersi in tempi straordinari  e dicembre 2020 concluderà l’anno con effetti speciali e fuochi artificiali.

Bello spettacolo per chi lo saprà godere!

L’amore è diventato il protagonista silenzioso, un Oscar al miglior attore non protagonista direi!

In silenzio, nella solitudine del proprio tempio interiore, ciascun essere umano ha dovuto riconoscere il valore profondo dell’Amore.

La paura di perdere la vita ha portato all’amore per la Vita.

Il corpo ha preso parte al riconoscimento, l’amore per se stessi è stato il primo passo necessario. (attraverso la malattia molti hanno portato il focus sull’amore per se stessi)

La morte di familiari e/o amici ha poi portato l’attenzione sull’amore dato.

Le prove a cui sono stati sottoposti i figli hanno amplificato l’amore dei genitori.

Le costrizioni e le restrizioni hanno dettato le priorità, riconoscendo così i valori fondamentali.

I bisogni degli altri sono stati visti, i bisogni degli anziani sono stati visti, i bisogni dei bambini sono stati (quasi) visti.

Cos’altro vediamo da quassù? (per il momento)

Un sistema sanitario che ha un modello da correggere.

Un sistema di trasmissione del sapere (istruzione) che ha regole da correggere.

I modelli di vita ossessivi e isterici sono ormai palesi, il valore del singolo è oramai unito al valore della collettività e l’isteria, come la paura, non durano a lungo.

Viriamo in alto verso il Sole, il 14 dicembre avremo un’eclissi si Sole, a due settimane di distanza da quella di Luna del 30 novembre.

Con la Luna sono state esplorate le profondità delle emozioni a 360°, con quella di Sole verrà deciso il modo con cui comunicarle.

Mancando dieci giorni all’eclisse sarebbe bene prepararsi a cavalcare anche questa di onda, in attesa dell’onda perfetta del 21 dicembre.

Il 14 dicembre Luna e Sole saranno congiunti a 23° in Sagittario (eclissi) e Mercurio li accompagnerà nell’abbraccio. Un guardone? No, no, un messaggero!

E’ lì per prendere nota, poi porterà il messaggio al Mago. Il Mago è ogni essere umano, che avrà a disposizione tutti gli strumenti per scegliere (libero arbitrio) il modo di comunicare quello che vuole nel futuro.

Non so se capite la portata, ma qui si tratta di decidere come volete vivere nel futuro e di come lo comunicherete.

Ultimo giro sulle ali del Gheppio.

Del 21/12 parlerò, ma la cosa più essenziale è qui: stiamo creando il futuro, proprio ora, dicembre 2020.

Le scelte di ciascun individuo avranno conseguenze, scegliere un futuro nero o scegliere di averlo d’oro sarà scelta individuale rispettata.

Nettuno aiuterà a scoprire le illusioni che ancora si fanno zavorra, il passaggio è aperto e solo chi lo sceglie nudo e leggero lo attraverserà.

Guardiamo oltre prima di scendere, già vediamo chi è già passato, è radioso e felice perché ha davvero capito che l’Amore è ovunque e che solo le catene mentali impedivano di vederlo. Ha chiaro in mente come vorrà vivere, ha progetti, ha la felicità nel cuore e non vede l’ora di realizzare le sue visioni. Beh, sembra dannatamente felice quel tipo laggiù, ce ne sono altri, sono molti e si vedono bene, sembra quasi che brillino. Già. Questione di frequenze.

Siamo a terra, guardatevi in giro ora, guardate quanta strada è stata fatta in un solo anno che ha accelerato la consapevolezza del mondo. Questo è solo l’inizio, quello che deve accadere accadrà, Dio sta diventando più grande e presto intorno al fuoco ci racconteremo storie belle.

Miei adorati Viaggiatori, il bollettino parla di mare imponente con onde lunghe, ottimo per i surfisti. I più bravi stanno aspettando l’onda perfetta, arriverà il 21, preparate la tavola!

Maturità emotiva è il punto sulla carta di navigazione.

Occhi puntati sulla Stazione, qualcosa accadrà e (sincronicità, mi hanno appena dato la conferma) sarà solo l’inizio e poi, siate gentili con voi stessi …  immaginatevi maestosi e comportatevi di conseguenza, abbiamo il privilegio di vivere la Vita!!!

WLY (we love You)

Sulan

Pubblicato da Deve Su

Bollettino cosmico per viaggiatori interdimensionali. Avvisi ai naviganti, mappe cosmiche e tanta gioia. Io mi diverto e voi?

Una opinione su "4 Dic. ’20 Sulle ali del falco"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: